Chiesa di S. Antonio

Edificio di culto - Via Abenante B., 35, Corigliano Calabro, (Cosenza)

Rappresenta l'edificio di culto più importante per dimensioni. Costruita con l'annesso convento francescano, passato poi all'Ordine dei liguorini, nella prima metà del XV secolo e trasformata nel 1740, presenta una cupola rivestita di maioliche gialle e azzurre e una porta in bronzo dello scultore locale Carmine Cianci, del 1982 (in sostituzione del portone ligneo che, secondo la leggenda, valse la gamba a un cittadino che osò sferrargli un calcio). Dal 1861 il convento è sede del collegio-ginnasio. L'interno, con pianta a croce latina a tre navate, conserva dipinti di Leonardo Antonio Olivieri, tra i quali "Immacolata ed Estasi di Sant'Antonio", un affresco sulla volta di Severino Ferrari del 1740, "San Francesco ha la visione del Crocifisso", un importante coro ligneo e un organo barocco completamente restaurato. L'ex sagrestia, che dal 1999 ospita un piccolo Museo del Tesoro, è adiacente alla Cappella-mausoleo del barone di Calopezzati Barnaba Abenante (1522).